Home

.

Elettrotecnica

 

Morsetti “volanti”

La necessità di effettuare giunzioni e derivazioni dei conduttori negli impianti civili, industriali e del terziario, può essere egregiamente soddisfatta dai cosiddetti morsetti volanti, dispositivi di connessione  sicuri ed affidabili dei quali il mercato fornisce una grande quantità di tipi. Si tratta di morsetti isolati, unipolari, unipolari a più vie, multipolari,  adatti per soddisfare tutte le più moderne esigenze di cablaggio. Di questo tipo di morsetti si occupano le  Norme CEI 23-20 e  CEI 23-21,  “dispositivi di connessione per circuiti a bassa tensione per usi domestici e similari“ (tabella 1).

CEI EN 60998-1 (CEI 23-20)
aprile 2005
Dispositivi di connessione per circuiti a bassa tensione per usi domestici e similari
Parte 1: Prescrizioni generali

CEI EN 60998-2-1 (CEI 23-21)
aprile 2005
Dispositivi di connessione per circuiti a bassa tensione per usi domestici e similari
Parte 2-1: Prescrizioni particolari per dispositivi di connessione come parti separate con unità di serraggio di tipo a vite

Tabella 1  - Norme di riferimento

 

I dispositivi di connessione devono possedere caratteristiche costruttive tali da garantire, durante l’uso normale,  prestazioni  affidabili ed esenti da  rischi per l’utilizzatore e/o l’ambiente circostante.


Dal punto di vista costruttivo possono essere classificati in base a:

  • al numero di morsetti -  a morsetto unico,  a morsetti multipli;
  • alla funzione che svolgono -  di giunzione,  di derivazione, di giunzione e derivazione;
  • alla protezione contro le scosse elettriche - nudi senza protezione, con protezione;
  • ai mezzi di fissaggio -  senza mezzi di fissaggio (la loro posizione è assicurata solamente dalla rigidità dei conduttori ad essi collegati),  con mezzi di fissaggio (la loro posizione è assicurata da mezzi di fissaggio propri oppure da mezzi associati, quali viti, binari di supporto, ecc..).
  • alla massima temperatura ambiente di utilizzo (temperatura nominale) - senza marcatura T per temperature ambiente fino a 40 °C,  con marcatura T per temperature ambiente superiori a 40 °C;
  • al grado di protezione IP contro la penetrazione di liquidi  e solidi 

 

In particolare i morsetti volanti (figura 1) possono distinguersi in base:

  • al tipo di materiale del corpo isolante (tabella 2);
  • al numero delle fasi (unipolari o  multipolari);
  • al tipo di cavo e di collegamento (di potenza, di segnale, citofonici, telefonici);
  • al tipo di utilizzo (cassette di derivazione, canali, passerelle, ecc..).
Corpo isolante
  • Policarbonato,  trasparente ed autoestinguente tipo VO secondo le norme americane UL 94 con  ottima resistenza meccanica, al calore (130 °C), alla fiamma e all'accensione e idoneo alla prova del filo incandescente a 960 °C Presenta elevata stabilità, ottima resistenza agli agenti chimici ed atmosferici,  elevata rigidità dielettrica e ottima la risposta  alle correnti superficiali.
  • Poliammide, utilizzabile con temperature di esercizio fino a 150 °C ( fino a 200 °C per uso limitato nel tempo);
  • Melammina, materiale anigroscopico e altamente stabilie;
  • Steatite, con ottime caratteristiche di resistenza all'escursione termica (adatta alle alte temperature - 500 °C) e all'inquinamento ambientale.

Contatto

  • Ottone;
  • Ottone nichelato:
  •  Acciaio zincato.
Connessione
  • A vite,  adatta per il collegamento, con o senza con terminali a capocorda, di conduttori sia rigidi sia flessibili.

Tabella 2 – Principali materiali  e caratteristiche costituenti il morsetto

 

Sulla parte principale del morsetto i devono essere riportate le seguenti marcature:

  • capacità di connessione nominale in millimetri quadrati;
  • tensione nominale di isolamento in volt;
  • massima temperatura ambiente di utilizzo in gradi Celsius, se superiore a 40 °C;
  • riferimento di tipo (per es. numero di catalogo);
  • nome o marchio di fabbrica o marchio di identificazione del costruttore o del venditore responsabile;
  • il codice IP, se è superiore a IP20.

I morsetti volanti trovano largo impiego nelle connessioni elettriche all'interno di scatole e cassette ai derivazione e nell’esecuzione, ove ammesso,  di collegamenti volanti negli impianti elettrici di bassa tensione. Sono generalmente disponibili in commercio con il corpo iso­lante sia trasparente che colorato.  Quelli trasparenti permettono il controllo visivo della connes­sione (è possibile controllare la correttezza del collegamento) mentre quelli colorati favoriscono una immediata identificazione dei circuiti. In figura 2 sono riassunte le varie parti che costituiscono un morsetto volante a cappuccio isolato. Si distinguono una custodia, di protezione della vite a bussola e  d’accesso per il cacciavite, un contatto serrabile a vite con l’alloggiamento per il cavo e la copertura isolante esterna a protezione delle dita contro accidentali contatti con parti in tensione.

Figura 1 - Morsetto “volante”


Figura 2 – Parti costituenti un morsetto a cappuccio isolato